Corsica on the road… la prima volta ti affascina, la seconda ti innamora

Bonifacio

La prima volta che sono stata in Corsica era agosto 2010. La settimana di Ferragosto. Era anche la prima vacanza in due, il primo viaggio in moto e il primo tour organizzato interamente da me. Ed è successo che sono rimasta affascinata da quest’isola che ha conservato la propria forte e quasi prepotente personalità. Tant’è che l’anno successivo ci siamo tornati, ovviamente affrontando un altro tour. Ma questa è un’altra storia e quindi un altro post.

Ecco i dati tecnici di questo nostro primo tour, così potete verificare se il viaggio-fai-da-me fa per voi:

– 2 invitati (io e il Signorino)
– 1 moto (o meglio, uno scooter 250 cc)
– 1 biglietto per 2 persone + 1 moto per il traghetto Genova-Bastia andata e ritorno, costo totale di € 200
– 6 notti in chambres d’hotes, al costo totale di € 375 inclusa la prima colazione
– 1000 km percorsi (circa)
– ecco cosa abbiamo incontrato lungo il nostro tragitto: Erbalunga – CastirlaCorte – Calvi – Ile Rousseil colle di Vizzavona – le montagne dell’Alta Rocca – Aullènne – Sartene – Alignement de Paddaghiu – Bonifacio

Prima di partire, è bene però che spieghi una cosa: all’epoca i viaggi erano intesi da me come vacanze nel vero senso della parola, a cui cercavo di unire la vita di mare a posti che potevano interessarmi. Con il passare del tempo ci ho preso gusto e adesso i viaggi sono più intensi e stancanti, tant’è che il “fare un bagno nel mare” è diventata una pausa di un’oretta tra uno spostamento e un altro. Perchè? Perchè non voglio perdermi le bellezze dei posti e rischiare di non riempirmi gli occhi di colori e sfumature nuove. Per questa ragione le foto della Corsica sono abbastanza contenute.

E adesso… pronti… via!

Annunci

2 pensieri su “Corsica on the road… la prima volta ti affascina, la seconda ti innamora

  1. paneepomodoro ha detto:

    Quest’anno anche per me la prima volta in Corsica! Certo un viaggio un po’ diverso dal tuo perchè siamo una famiglia di cinque persone e cercavamo solo mare e riposo perciò siamo andati al sud, Porto Vecchio, e da lì ogni giorno una spiaggia diversa. Stupenda, meravigliosa, acqua cristallina, sabbia fine e a settembre non troppo caos per cui abbiamo trovato ciò che volevamo. Un’unica delusione: veramente troppo cara e ci è stato possibile andare al ristorante una sola volta. Inoltre, da foodblogger, mi aspettavo di trovare e assaggiare molti piatti tipici, invece ho realizzato che i prodotti tipici sono soprattutto salumi e il brocciu tanto osannato in settembre non si trova…. motivo per cui dovremo tornarci presto in altra stagione! 😉

    Mi piace

    • girumeta ha detto:

      Ciao, grazie per il commento! Noi ci siamo andati ad agosto per due anni consecutivi e ti devo dire che i piatti non mi sono dispiaciuti per niente. Sono piatti di tradizione povera a base di carne o formaggio ma li ho apprezzati molto, dalla chacuterie alle terrine di cinghiale alla zuppa corsa ai cannelloni al brocciu… Noi siamo rimasti nell’entroterra e in effetti sulla costa i prezzi sono più alti. Solitamente con un menù di chacuterie, un piatto principale, dolce, caffè e vino della casa o la classica Pietra spendevamo circa 20 euro a testa e non mi sembrava eccessivo perché mangiavamo tutto a base di carne…

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...