1, 2, 3… Via!

E’ tardissimo. E’ l’1.17 di notte. La notte prima di partire. Ed io sono qua che non riesco a dormire. La convinzione di aver dimenticato qualcosa di fondamentale da mettere in valigia mi attanaglia. E scrivo. Perché forse è proprio questo che manca.

Domani si parte. O meglio… tra qualche ora suonerà la sveglia, ci prepareremo di corsa, saliremo in macchina e partiremo. Io e il Signorino, come sempre. Cosa ci aspetta? Un aereo, tanti chilometri ma soprattutto tante emozioni da provare e tanti ricordi da portarci a casa. E sicuramente quando torneremo saremo un po’ cambiati. Perché in fondo il viaggio serve anche a questo. A non rimanere mai sempre uguali a se stessi, ma a crescere.

E allora non mi resta che augurare a tutti buon viaggio. Ed anche a noi.

si viaggia

Si viaggia! – photocredits http://www.trentoviaggi.it

Kee-way e ombrello sono un must

In Normandia e Bretagna fa freddo anche ad agosto?

Fa freddo. Punto.

Quando siamo atterrati sul suolo francese abbiamo sentito immediatamente la differenza di temperatura. Siamo passati dai 35° della torrida estate italiana agli 8° della notte francese. Come equipaggiamento avevamo maglie a maniche lunghe in materiale termico (comprati da Decathlon, poca spesa tanta resa), giubbotti di jeans e kee-way. Ovviamente siamo partiti con le maniche corte dall’Italia e una volta arrivati là ci siamo attrezzati per non soffrire il freddo. Continua a leggere